.
Annunci online

vocidipopolo
Un blog di nicchia


Diario


31 marzo 2008

PROVACI ANCORA, SILVIO



Dopo le elezioni la cordata italiana per Alitalia verrà fuori. Io conosco i nomi, sono i migliori imprenditori italiani.
Silvio Berlusconi, 31 marzo 2008

In merito alle dichiarazioni di Berlusconi, smentiamo categoricamente un nostro interesse per Alitalia.
I migliori imprenditori italiani, 31 marzo 2008


31 marzo 2008

UNO PER TUTTI. TUTTI SU UNO



- Bellissima questa cosa, come si chiama?
- BlogBabel, un sito che legge tutti i blog e fa anche una classifica dei più letti
- Ehi però, figa questa classifica di blog italiani
- E' un servizio molto utile
- E poi c'è anche la pagina dedicata ai blog maggiormente linkati nelle ultime 24 ore
- Davvero molto bello
- E' un servizio che ci voleva
- Sai cosa mi piace? il fatto che chiunque può segnalare qualsiasi blog, dal suo a quello di qualsiasi altro
- Fa molto comunità
- Infatti. ma noi blogger in effetti siamo una comunità
- Siamo una grande e fottuta comunità coesa e unita
- Uno per tutti tutti per uno
- Lo dice pure adinolfi
- E chi cazzo è adinolfi?
- E' un blogger molto famoso
- Never covered
- Vabbè. del resto non è che ci possiamo conoscere tutti
- Comunque grazie a questo sito, possiamo finalmente sapere tutto di noi blogger...
- Cosa scriviamo, chi ci legge e chi ci linka
- Meno male che c'è
- Siamo tanti, e siamo forti.
- E uniti!
- Grazie di esistere, Blog Babel!
- Scusate...!
- Ecco uno dei nostri blogger, un nostro fratello, dicci, in cosa possiamo esserti utile?
- Potete per favore cancellarmi dal vostro database?
- Non ho capito...
- Non voglio più uscire su Blog Babel, cancellatemi grazie.
- Ehm...scusa, puoi ripetere?
- Ho detto cancellatemi dal sito, non voglio più uscire né in classifica, né nelle pagine relative a chi ha linkato chi
- E perché?
- Cazzi miei
- Va bene, ma per adesso è un problema cancellarti
- E perché?
- Per una serie di complesse motivazioni tecniche e soprattutto per il fatto che su Blogbabel chiunque può segnalare chiunque, è la nostra filosofia, e quindi se ti cancelliamo e poi qualcuno ti risegnala tocca ricominciare.
- Vabbè, a me non me ne frega un cazzo, cancellatemi grazie
- ok però senti, per ora non lo possiamo fare ma in futuro però...
. NO! mi dovete cancellare adesso. Adesso e subito. Non posso aspettare un minuto di più!
- Ehi, non avete sentito che ha detto? Cancellatelo cazzo!
- Si giusto cancellatelo!
- Anzi cancellate anche me
- E anche me
- Ragazzi state calmi che vi prende?
- Ci prende che dovete cancellarci, non vogliamo uscire sul vostro cazzo di sito di merda rotti in culo che non siete altro
- Potremmo sapere perché?
- Perché i nostri contenuti sono i nostri contenuti, cazzo, perché dovete fare i soldi con i contenuti degli altri? Produceteveli da voi e non azzardatevi mai più a rubare!
- Ehi ma state di fuori? Noi non rubiamo un cazzo e anzi offriamo un servizio utile alla comunità dei blogger italiani
- E' vero, che cazzo dite? Noi ci facciamo un mazzo così per fare 'sto sito e voi così ci ringraziate?
- Quanti soldi ci fate grazie ai nostri contenuti, eh, rispondete ladri di merda! Eh, ma non finisce qua!
- Vi faremo causa!
- Ah, ci farete causa? E allora perché non cominciate da Technorati, Google, Wikio, Delicious e tutti gli altri strafottuti motori di ricerca di blog, prima di venire a scassare gli zebedei a noi?
- Cazzi nostri. Ci stai sul cazzo tu, va bene?
- Siete immaturi, siete i soliti blogger italiani: provinciali, individualisti, ignoranti, non è un caso che l'Italia sia sempre al fanalino di coda in tema di tecnologie...
- Tu non devi rubare i miei contenuti! Io ho una licenza che ti impedisce di prelevare i miei contenuti a fini commerciali! Stai attento, Mister blog babel, stai molto attento...
- Ma di quali fini commerciali vai cianciando?
- Tu hai le inserzioni google!
- Ce le hai anche tu!
- Ma io non ti linko!
- Ma potresti farlo! Chiunque può linkare chiunque su internet!
- Chi lo dice?
- Ma come chi lo dice? Ma che cazzo hai sugli occhi, una forma di parmigiano reggiano?
- Beh, io però non linko te!
- E io invece sì, mi spieghi dov'è il problema?
- Non lo puoi fare!
- E' vero non lo può fare!
- Si in effetti, forse, potrebbe, eventualmente, non farlo, ma anche potrebbe...
- Ma che cazzo dite, ma fatela finita! Ma vi rendete conto di che cazzo affermate? Avete un blog che chiunque può leggere e linkare, NON POTETE IMPEDIRE A NESSUNO DI LINKARE UN VOSTRO POST, ve lo volete mettere in testa?
- E' giusto! Se non volete veicolare i vostri contenuti, fate un blog privato e nessuno leggerà i vostri preziosissimi pezzi.
- Nossignore! Io voglio un blog pubblico ma voglio decidere io chi mi linka e chi no!
- E' vero, ha ragione!
- Col cazzo che ha ragione!
- Forse ha ragione!
- Forse no
- M'avete rotto il cazzo, adesso chiudo tutto e andate a fare in culo.
- NO! che fai sei pazzo!
- NO! Blog Babel è bello!
- NO! Blog Babel serve!
- SI! blog Babel è un servizio utile alla comunità dei blogger!
- Ma lo sentite quello? Dice che mi vuole fare causa!
- Chi io? Non ho mai detto che ti avrei fatto causa! Ho solo chiesto di essere cancellato!
- Ma si può sapere perché, dimmi il cazzo del perché!
- Io ho il diritto di non stare su blog babel!
- Non capisco però perché non lo dici pure a Google e a tutti gli altri?
- Davvero lo vuoi sapere?
- Si, dimmelo! Dimmelo ti prego!
- Be'. vedi, in realtà è molto semplice. Se io mando una mail a google, wikio, technorati e compagnia chiedendo di essere cancellato, loro ovviamente non mi cagano nemmeno a livello infinitesimale. E se li minaccio di fare causa, quelli prima ridono e poi se poco poco insisto, mi sguinzagliano addosso un battaglione di avvocati che mi masticano qui e mi sputano poco più avanti
- Perfetto. Quindi perché te la prendi con me?
- Be' vedi, il fatto è che tu rispondi alle mail, sei italiano sei gentile, ti dimostri collaborativo e aperto, mi prendi in considerazione.
- Non solo: Ricordati anche che non guadagno un cazzo da questa attività, mi faccio un mazzo così per pura passione, e lavoro di notte io e altri quattro sfigati stronzi come me.
- Per l'appunto! Capisci che questo è intollerabile. Sai se Google e Yahoo fanno i miliardi grazie ai blogger, vabbè, che devo fare, sono americani, stanno lontano, non parlano la mia lingua, sanno perfettamente di cosa si tratta, sono intoccabili...
- Mentre io...
- Tu sei avvicinabile, attaccabile, addirittura ti spaventi se minaccio di farti causa, capisci, per il mio ego si tratta di una tentazione irresistibile, niente di personale eh? solo che è inevitabile per me romperti il cazzo...
- Capisco! Adesso ho capito
- QUindi che fai ora, mi cancelli?
- No, faccio di più. Chiudo baracca e burattini e andate tutti affanculo!
- Addirittura! Davvero?
- Si davvero. Mi avete rotto il cazzo, definitivamente. In italia non si può fare nessuna iniziativa, siamo troppo indietro!
- Ma sei magico. Così passerò alla storia come il blogger che ha fatto chiudere Blog Babel?
- Esatto. E per premiarti, metterò un link alla home page che dirà più o meno: blog babel è sospesa grazie a te!
- Ma sei un mito! Come posso ringraziarti?
- Non ti preoccupare! Hai già fatto abbastanza!
- Comunque, io non ti avrei mai fatto causa, lo sai vero?
- Lo so. Per te l'importante era rompere i coglioni!
- Infatti. Comunque grazie, alla fin fine è stato bello!
- Figurati. Noi blogger siamo sempre una comunità!
- Coesa e unita. Uno per tutti tutti per uno!


17 marzo 2008

UN GOVERNO SERIO ED AUTOREVOLE INVECE



Un'altra presenza straordinaria ci onora di un suo intervento, qui a Vocidipopolo, il blog più letto della rete LAN che abbiamo qui in studio. Ricorderete tutti Renato Farina, uno dei giornalisti più obiettivi ed equilibrati che abbiamo in Italia, tanto da considerarsi spesso in missione per conto di Dio se la missione è condurre una crociata contro l'Infedele e quisquilie così. Uno così non poteva che scrivere su uno dei giornali altrettanto più equilibrati e riflessivi che abbiamo in Italia: LIbero. Il nostro buon Renato questa volta si occupa di Cina e di come....vabbè, leggete che fate prima. Grazie Renato, per la chicca concessaci!

UN GOVERNO SERIO ED AUTOREVOLE INVECE

di Renato Farina


Oggi Vittorio Feltri mi ha chiesto di scrivere un pezzo sulla repressione cinese in Tibet e sull'atteggiamento vigliacco del governo italiano in merito. Eseguo e mi accingo a scrivere un pezzo di dura condanna del governo Prodi e del ministro degli esteri D'Alema, vigliacchi che non hanno fiatato di fronte ad una carneficina di poveri monaci indifesi, mentre se ci fosse stato un governo serio ed autorevole, un governo Berlusconi, ad esempio, c'è da scommettere che il suo silenzio e di tutto il suo governo, sarebbe stato assordante ed enormemente imbarazzante nei confronti della Cina oltre a causare dibattito e speranza in tutta la comunità internazionale.

Ma purtroppo al governo c'è Prodi e i suoi vigliacchi, per cui noi siamo servi della Cina. Volete una prova? Non abbiamo neppure osato ricevere il Dalai Lama quando è venuto in visita in Italia per non rischiare di urtare la suscettibilità del gigante comunista, mentre se ci fosse stato un governo serio ed autorevole, un governo Berlusconi, ad esempio, sicuramente né lui né nessuno dei suoi lo avrebbe ricevuto, non fosse altro che un governo davvero autorevole riceve gente vestita a modino e non il primo che passa per la via anche se vestito di lenzuola arancioni che pure ispirano simpatia.

E comunque sia, uno che lo ha ricevuto, 'sto anziano con le lenzuola, c'è stato, e guarda un po' è anche dell'opposizione: Roberto Formigoni, il presidente della regione Lombardia. Lo ricordo benissimo perché lo criticammo tutti per quella cazzata, la cosa più gentile che gli hanno detto è "cazzo fai, pirla?", ma adesso che ci torna utile non possiamo che tributare al presidente Formigoni tutta la nostra stima. Ecco un ministro degli esteri che ci vorrebbe, uno che da ministro col cazzo che lo incontrava, il Dalai Lama, mica è deficiente, Formigoni, e proprio per questo sarebbe un ottimo ministro, di un governo serio ed autorevole, un governo Berlusconi, ad esempio.

Di fronte alla catastrofe tibetana il nostro imbelle ministro attuale D'Alema non ha trovato nemmeno il coraggio di boicottare le Olimpiadi che almeno avrebbe avuto il valore di segnale, chiaro e preciso. Davvero un grande politico, non c'è che dire.

Un governo serio ed autorevole, un governo Berlusconi, ad esempio avrebbe incredibilmente rifiutato di boicottare le olimpiadi rendendo chiaro e lampante a tutti il valore e il dovere di non mischiare sport e politica, che da sempre sono due cose diverse. Ma non c'è niente da fare, chi nasce comunista, muore servo e resuscita comunista. Bel governo, il nostro: quando c'è di mezzo il kosovo e una nazione che non ci fa paura, la Serbia, allora vai a tutto gas a riconoscere l'indipendenza dello starello kosovaro, mentre invece se c'è di mezzo la Cina che è comunista, ecco che i compagni Prodi e D'alema stanno tutti zitti zitti.

Un governo vero, un governo Berlusconi ad esempio, ci avrebbe reso fieri della scelta di riconoscere il Kosovo indipendente, non solo perché lo merita ma anche perché tutta l'Europa lo ha riconosciuto, e l'Italia fa parte dell'Europa, fino a prova contraria, mentre nel caso della Cina avrebbe recepito pari pari qualsiasi sua repressione come un fatto certamente spiacevole ma inevitabile, perché la Cina è la Cina, un grande paese con i suoi problemi interni. Come la Russia dell'amico Putin alle prese con la turbolenta Cecenia.

Non c'è niente da fare: i comunisti sono nati con due pesi e due misure. Ci fa davvero specie vedere questi doppiopesisti idealisti della mutua, ancora per poco fortunatamente a Palazzo Chigi, che stanno a guardare il colore delle bandiere prima di esprimere un opinione.

Nel 2006 Prodi e Bonino guidarono un gruppo di imprenditori italiani in Cina, per fare affari e stringere accordi. Pensavamo che non si sarebbero lasciati sfuggire l'occasione di salire improvvisamente su uno dei tavoli dei tanti buffet di cibo oltretutto cinese quindi scadente, e di incatenarsi l'un l'altro con bombe a mano e granate gridando "o il Tibet indipendente o la morte, nostra e di tutti quelli che stanno qua dentro". Niente, neanche una esplosione, nemmeno un raudo.

Siamo convinti che se ci fosse stato un governo serio e autorevole, ad esempio un governo Berlusconi, in un'occasione come quella, tutto il mondo e anche il Tibet avrebbe apprezzato la serietà e la compostezza di una delegazione austera e augusta che avrebbe assolto diligentemente il compito che si era prefissa, senza mischiare argomenti che non c'entrano nulla tra loro, soprattutto quando si parla di affari. Ma putroppo a Palazzo Chigi ci sono i comunisti e dobbiamo subire qualsiasi scempio di diritto umano. 

La lezione tibetana, così come in Birmania, insegna che quando si tratta di regimi totalitari, i primi a morire sono i religiosi, seguiti dai cittadini. Un lungo funerale, brutto da vedere. Ogni volta che c'è una carneficina di diritti umani, il problema, per noi, è il capire quando precisamente, accade questo. Se i massacri avvengono quando in Italia c'è un governo che non ci piace, be' è una vera indecenza, che schifo, che ribrezzo, se la politica non è ideale cos'è? Ma se per pura fortuna a governare ci sono i nostri, be' ci spiace tanto, ma la politica e soprattutto realpolitik, non si può avere tutto, una cosa sono i movimenti, le passioni, le opinioni, e un'altra è un governo serio ed autorevole, un governo Berlusconi, per esempio. Ma in quest'ultimo caso, un cero in chiesa la domenica non ve lo leva nessuno, cari amici martiri.

Perciò chiunque dovesse ancora essere massacrato, si affretti e per un altro paio di mesi avrà ancora tutto il nostro sostegno e sdegno unanime. Dopo, se tutto va come deve andare, saremo occupati a fare altro e non avremo molto tempo per indignarci per la Cina e compagnia bella. Sono sicuro che capirete.         


10 marzo 2008

UN'ALTRA SINISTRA (ANCHE RIFORMISTA) E' POSSIBILE



- Ben arrivato.
- Grazie!
- Allora? Dicci, dicci!!! Sai che sul sito abbiamo scritto: "Con Zapatero avanza il vento del cambiamento", bello eh?
- Si bello capo, però forse è meglio minimizzare un po', sai non vorrei che qualche giornalista se ne andasse in Spagna a fare qualche inchiesta...!
- Perché?
- Be' ragazzi, quello è un altro pianeta,che ve lo dico a fare?
- Cioè?
- Be' ragazzi, tanto per dirne una: quello ha promesso una serie di cose, tra l'altro parecchie, e le ha fatte! Capito?
- Cioè ha mantenuto le promesse elettorali?
- Esatto! Ha detto che avrebbe riformato la tv pubblica e aperto a più concorrenza i privati? Be', l'ha fatto!
- Capirai, qui da noi c'è Berlusconi!
- E pure là c'è Berlusconi, quelli di Telecinco sono di Mediaset. Tra l'altro, essendo abituati con noi, appena s'è aperto il mercato, hanno immediatamente strillato al golpe, aiuto aiuto c'ammazzano, sai come fanno quelli appena gli inzaccheri un po' le scarpe, no? Strillano come se gli stessi frullando le palle nel minipimer...
- E come non lo sappiamo...
- Be' quello se n'è fottuto degli italiani che strillavano e pure degli spagnoli! E' andato avanti come un fuso!
- Li mortacci sua! E poi? Ha fatto cose di sinistra riformista?
- Ha fatto cose SOLO di sinistra riformista! Ha detto che faceva il divorzio veloce, la fecondazione assistita,l'annullamento più veloce dei matrimoni l'accesso al matrimonio anche alle coppie omosessuali,compreso il diritto di adottare bambini...tutto promesso, tutto fatto.
- Capirai,beato lui, noi c'abbiamo la chiesa cattolica!
- E pure loro c'hanno la chiesa cattolica! A un certo punto, hanno abolito l'insegnamento obbligatorio della religione cattolica a scuola e l'hanno sostituito con l'educazione civica obbligatoria. Be' è successo un casino: i popolari e la chiesa l'hanno accusato di voler imporre lo stato nella formazione della coscienza e della morale dei giovani. Bene: sapete cosa ha fatto, lui?
- Ha ritirato la legge, ovviamente!
- Col cazzo! Ha mandato un suo emissario in Vaticano che ha detto al papa: santità, ci spiace che lei si incazza, noi siamo molto rispettosi dei valori cattolici, solo che...
- solo che...
- ...che la Spagna è uno stato laico...così gli ha detto!
- Davvero?
- Davvero.
- Cioè ha mandato uno in Vaticano a dire che la Spagna è uno stato laico, prendendo il papa per il culo?
- Già...
- Ma è incredibile! Nessuno essere umano s'era spinto fino a tanto!
- E mica è finita!
- Ah no...e che altro ha fatto?
- Aspetta che leggo dagli appunti: sistema di sussidio che prevede la donazione di 2.500 euro alla nascita di ogni figlio, alleggerite le pratiche di modifica delle generalità per i transgender, legalizzata la sperimentazione medica della cannabis e ridotte molte restrizioni sulla clonazione terapeutica e sull'uso di cellule staminali di origine embrionale ai fini di ricerca scientifica.
- Minchia! Ma che grasn bastardo.
- Bastardo addirittura?
- E ci sta facendo fare la figura dei morti di sonno in chiesa, 'sto pezzo di merda...
- E senti qua: ha ridotto l'IVA sui pannolini per anziani e bebé, sugli assorbenti igienici per le donne e sui preservativi visto che sono considerati materie di prima necessità.
- Prima necessità? Giusto, è vero!
- E allora facciamolo anche noi!
- Stai scherzando? Se tagliamo l'Iva sui preservativi la Binetti ci uccide! Dai continua...
- Per aiutare le famiglie con meno di 15.000 euro di reddito annuale, o di 20.000 ma numerose, ha stanziato 500 euro per ogni figlio con meno di tre anni, a 300 euro per ogni figlio fra i tre e i diciotto anni, e a 1.000 euro all'anno per i figli minorati.
- Madonna! Ma guarda 'sto stronzo...!
- E poi: per diminuire l'elevato tasso di indebitamento delle famiglie spagnole, dovuto soprattutto agli alti costi degli immobili, ha incrementato la costruzione e l'assegnazione di case popolari per le famiglie a basso reddito ed ha incentivato la modalità dell'affitto della residenza rispetto alla compravendita dei locali, tanto con agevolazioni fiscali per i proprietari, quanto con sussidi mensili per i giovani (sotto i 35 anni) che intendono affittare.
- Evvabbè, pure le case popolari...eccheccazzo, porca puttana!
- L'aveva promesso in campagna elettorale...ha stanziato 8 miliardi di euro!
- E noi dove li andiamo a prendere 8 miliardi di euro?
- Be' si potrebbe introdurre l'ICI per la chiesa cattolica...per esempio...
- Introdurre...cosa? Ma che sei scemo? Lascia perdere. Piuttosto, com'è che l'elettorato lo ama così tanto?
- Mah, forse perché ha fatto anche delle cose piccole ma che vanno direttamente a favore del cittadino comune, come il carcere per chi guida ubriaco e crea incidenti...
- Indulto niente?
- No, mi spiace....
- Stronzo....che altro?
- La legge fatta per i pendolari che se un treno giunge con più di cinque minuti di ritardo, a tutti i viaggiatori viene rimborsato il biglietto del 100%...
- IL 100%????
- Già...
- Capirai, da noi l'utente sarebbe disposto a pagarlo lui un altro 100% se il treno arrivasse in orario....E poi?
- ...la legge che per ogni casa che viene costruita o ristrutturata è obbligatorio installare pannelli solari termici per il riscaldamento dell'acqua, la legge sull'anoressia e obesità che vieta le sfilate a modelle sotto la 38m ha pure obbligato gli stilisti a ritirare i vestiti di quella misura...
- Capirai, da noi chi li sente Dolce & Gabbana...
- sull'obesità, ad esempio, ha ordinato a Burger King di ritirare la pubblicità del panino King XXL, calorico come 10 uova fritte...
- E basta! E che palle, pure sugli hamburger ha cagato il cazzo 'sto gran cornuto, gran pezzo di merda!
- Capo che c'è? Perché dici parolacce?
- Niente, niente. Misure per le donne in politica?
- Dunque, a parte il fatto che nel suo governo la metà esatta sono donne. ha varato una legge...
- Ancora?
- Sì...una legge che impone parità tra uomini e donne che si candidano; al massimo solo il 60% dei candidati può essere dello stesso sesso...e poi...
- Basta! Basta!!! Bastaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!
- Capo?
- Basta, non voglio sapere più un cazzo!
- Veramente è interessante discutere quello che ha fatto sul federalismo...
- NON VOGLIO SAPERE UN CAZZO DI NIENTE, VA BENE????
- Ok capo, va bene, capito...
- Allora state a sentire. Da adesso in poi la consegna per tutti i candidati è la seguente: qualsiasi domanda su Zapatero, la risposta è: Zapatero, si bravino, ma non è mica la bibbia! Chiaro?
- ....bibbia, ok scritto, va bene, mando subito una mail a tutti!
- Perfetto. E levate quel cazzo di articolo sul vento nuovo che avanza dal sito, mettiamolo tra le notizie in breve!
- Ok capo
- 'Sto gran cazzo di Zapatero....proprio adesso doveva vincere le elezioni, quel gran cornuto!

P.S. Se v'andate a leggere la pagina di Zapatero su Wikipedia, c'è da ridere (il solo fatto di mantenere le promesse elettorali per noi italiani è qualcosa di altamente umoristico) e da piangere (per il fatto che una sinistra riformista vera esiste e non sta qui da noi....sigh!)


8 marzo 2008

AL CINEMA SOLO IL 13 E 14 APRILE


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. veltroni grande grosso e verdone

permalink | inviato da vocidipopolo il 8/3/2008 alle 22:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


7 marzo 2008

LIBRI 5/ MANAGEMENT

FOTTERE GLI ALTRI PRIMA CHE GLI ALTRI FOTTANO TE



Se dal futuro un giorno arrivasse un manager per analizzare i sistemi e i processi di strategia aziendale in uso nell'anno 2008, è altamente probabile che concluderebbe per la nostra prossima estinzione. La causa? L'eccessiva bontà nel gestire le aziende e il concetto, sempre più frainteso di impresa come entità produttrice non solo di ricchezza materiale ma anche volano di crescita culturale e sociale di un territorio. "Sono fottutissime cazzate" dice Frank Tagliola, uno dei massimi esperti di fucking business strategy, ultima corrente di pensiero manageriale di cui già si vedono i primi risultati della sua applicazione in aziende di paesi emergenti come Russia, Cina e India. In questo appassionante "Fottere gli altri prima che gli altri fottano te", Frank Tagliola demolisce uno per uno i concetti che attualmente minano il successo di un'azienda fin dai suoi primi passi. "Responsabilità sociale di un'azienda? Favoletta buona per addormentare i fottuti bambini cerebrolesi. L'unica responsabilità di un'impresa sono solo i fottutissimi soldi a fine anno. Se sono molti molti di più dell'anno scorso, bene, sennò faresti meglio ad andare a cogliere le margherite e levarti dal cazzo, fottuto e incapace coglione". La Competitività? "E' l'unica legge, e per raggiungere l'eccellenza nulla dev'essere di intralcio. "Ad esempio: è ormai assodato che calpestare chiunque si ponga sul tuo cammino, eliminarlo, squartarlo e appendere il suo cadavere fuori dalla porta della tua azienda, come monito perenne per tutti, non dev'essere solo un fottuto piacere per alcuni, ma un fottuto dovere per qualsiasi manager". Ma come riconoscere un avversario da sterminare da un altro, magari inoffensivo? "Sono fottute cazzate - dice Frank Tagliola - chiunque non è nella nostra azienda dev'essere considerato un fottuto e prossimo cadavere. Meglio farli fuori tutti e non pensarci più che rischiare di perdere lo 0,5% del fatturato". Un libro avvincente e denso di pensiero creativo da consigliare a tutti i manager che vogliono scattare "come un coltello a serramanico", metafora usata da Tagliola per descrivere l'azienda davvero moderna di oggi.     

FOTTERE GLI ALTRI PRIMA CHE GLI ALTRI FOTTANO TE
Frank Tagliola
Edizioni Competitive
€ 18,40


VALIGIE DI SOLDI E ALTRI SEGRETI DEI GRANDI MANAGER



Il cammino delle imprese moderne è ogni giorno minacciato dall'iniquità degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi (cfr: Ezechiele, 25,17). Come fare per rimuovere tutti gli ostacoli che si frappongono al raggiungimento del successo personale e professionale del manager e della sua azienda, unica ragione di vita in questo mondo? In questo testo fondamentale Silvio Malversatore, grande teorico di business e autore della "Oil Business Strategy", strategia per la quale concorrenti, partner, appaltanti e perfino avversari "vanno oliati a dovere in modo che soddisfatti si tolgano dalle palle", compie un interessantissimo viaggio nei segreti di dieci grandi manager. Dieci conversazioni in cui vengono svelati i segreti che hanno decretato il successo di alcuni e la caduta di altri. Jon Ladris, ad esempio, grande mamager sudafricano, racconta di quanto sia risultato fondamentale recarsi agli incontri  portando con sè valigie zeppe di mazzette di denaro che apriva e scaricava direttamente addosso ai manager pubblici che dovevano decidere se concedergli degli appalti, mentre il miliardario greco Kostas Ladronis aggiunge che la strategia della valigia gli è servita soprattutto con i giudici che volevano indagare su di lui. "Le valigie di soldi, ma a volte sono necessari bauli e capienti cassapanche, sono ormai entrati a far parte del "set actions" primario di un moderno manager - scrive Malversatore nella sua prefazione - ma non vanno dimenticati - aggiunge - né i rimedi  classici come il servirsi di collaboratori esterni facenti parte della criminalità organizzata per togliere dalla competizione noiosi avversari o per recuperare crediti, oppure i recentissimi e innovativi sistemi - come racconta Vladimir Mignottoj, grande manager russo - consistenti nelle cene al polonio 210 per gli avversari particolarmente ostici e nella fornitura di "grandissime e bellissime decine di zoccole arrapanti e disponibili" per partner e alleati da sollazzare prima e ricattare poi. Il futuro del management moderno inizia da qui. 

VALIGIE DI SOLDI E ALTRI SEGRETI DEI GRANDI MANAGER
Silvio Malversatore
Edizioni del Disonesto
euro 20,50


FUCK OPTIONS


 
Come massimizzare i profitti derivanti dalle stock options fottendo in un sol colpo azienda, azionisti grandi e piccoli, dipendenti, fornitori, consumatori, praticamente tutto il mercato? Se siete manager intraprendenti e privi di inutili e dannosi scrupoli morali e volete nel giro di un anno passare dalle pezze al culo al villone a Portofino con vista sul mare,l'aereo privato e un grappolo di dodicenni moldave bionde che da sotto al tavolo litigano per afferrare il bigolo e farvi il servizietto, Fuck Options è il testo che fa per voi. L'autore, Emilio Giampiero Vorace, grande manager bresciano, guida esperti e neofiti nel magico mondo delle stock options illustrando i principali trucchi del mestiere e regalando qua e là delle vere chicche, come queste: licenziare dipendenti mobizzandoli in modo che se ne vadano autonomamente, abbassando quindi i costi e sostituendo la mano d'opera con extracomunitari e minori di 14 anni rigorosamente al nero, non pagare i fornitori mentendo loro spudoramente e reiteratamente, rateizzare i costi fino a 60mila mesi e in alcuni casi più in là, evadere le imposte e qualsiasi tipo di tassa facendo risultare in bilancio che non era dovuta, disfarsi dei rifiuti tossici nei fiumi e nei mari o nei casi più difficili rivolgendosi alla camorra risparmiando così sui costi di smaltimento, incendiare capannoni in disuso per incassare i premi assicurativi, corrompere i funzionari delle società di revisione dei bilanci, usare dei professionisti del bilancio truccato, fare largo uso dell'insider trading alterando così sensibilmente i valori dei titoli dell'azienda (se quotata in borsa) per aumentare il loro valore e tante altre belle cosette. Il tutto, al solo scopo di creare un bilancio gonfiato come un pallone dal quale risulta che la società incassa in un giorno quello che il Pentagono spende in cento anni di guerre all'estero. Dopodiché ci si presenta all'azionista e si cambiano a un milione le stock options pagate 1 euro e il gioco è fatto. E quando i nodi verranno al pettine, si chiederanno molti lettori, come si fa? "Facile", è la risposta del nostro Vorace, "si dà la colpa alle mutate condizioni del mercato, la recessione, la congiuntura, la crisi economica, le inondazioni, le cavallette ecc ecc. E comunque, nei casi più rognosi, ovvero i soliti giudici comunisti, ah, m'ero dimenticato: io sono residente alle Cayman, ho i conti nel LIchtenstein e abito a Santo Domingo. Ci vediamo in spiaggia!". Un testo imperdibile per chi ha intenzione di recitare un ruolo da protagonista sui mercati di oggi.

FUCK OPTIONS
Emilio Vorace
Rapace Edizioni
euro 40


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. libri recensioni management

permalink | inviato da vocidipopolo il 7/3/2008 alle 19:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


5 marzo 2008

INCUBO


- Buonasera signori ministri e benvenuti a questo incontro così importante per la risoluzione della pace in Medio Oriente. Proporrei di non indugiare ancora e di dare subito avvio ai lavori....scusate, c'è ancora qualcuno in arrivo mi pare...
- Ma che cazzo, ma non c'è niente da mangiare? Ma manco un pasticcino...una bagnacauda...una polenta con gli osei, ma è proprio un paese del cazzo, questo...
- Ma chi è?
- Che succede?
- Ma chi è 'questo, come ha fatto ha entrare, buttatelo fuori!
- Ehi, che ce l'hai con me?
- E certo che ce l'ho con te! Ma chi sei?
- Chi sono io? Chi sei tu, brutto pirla con la tovaglia in testa! Ma impara a vestirti prima di parlare, mi sembri mia nonna all'ospedale, PIRLA!
- Vabbè. chiamate la sicurezza, forza!
- No, no, aspettate...èhm, ecco, il signore è il ministro dell'Italia!
- Cosa?
- Il ministro dell'Italia? Mannò, il ministro dell'Italia è D'Alema...
- Non è più D'Alema, in Italia ci sono state le elezioni, adesso il ministro è questo signore qua....buongiorno, ben arrivato!
- Esatto Scherlock, complimenti per la pers...peraps....perpers...come cazzo si dice....?
- Perspicacia?
- Bravo professore! Chi sei tu? Mi sembri l'unico tranquillo in questa riunione di tovaglie e turbanti, ma lo sai a chi somigli? A Sandokan! Uguale!
- Lasciamo perdere...
- Ma roba da....
- Colleghi, per favore ora che è arrivato anche il ministro italiano possiamo cominciare. Diamo allora la parola al presidente dell'autorità palestinese....
- Scusate, state un attimo tutti zitti, posso parlare per primo io che c'ho una riunione importantissima a Varese? Dobbiamo scegliere l'assessore alla selezione genetica degli immigrati, non vorrei che mentre sto qua a sentire questi che parlano beduino mi mettono come assessore un fighetta terrone sentimentale...
- Ma è allucinante!
- Ma come è possibile fare ministro uno così? E' intollerabile!
- Ehi pirla, guarda che t'ho sentito eh, a chi è che dici psicoscibi...psicoclibi...psico...
- Psicolabile, che in effetti sarebbe il termine giusto, però purtroppo non ha detto così, ha detto intollerabile...
- Intollerabile? Intollerabili siete voi che scassate i maroni tutti i giorni con le vostre prediche, che venite a frotte a casa nostra con le vostre barchette. Be' care lenzuola sporche, vi informo che adesso che ci sono io la musica cambia! Ho dato precisi ordini che appena vediamo degli straccioni con le vestaglie addosso, si spara a vista! E un'altra cosa, dato che ci siamo, mandateci un po' di aerei alla Malpensa che vi devo rimpatriare un po' di beduini che stanno scassando i maroni alla stragrande dalle mie parti!
- Vabbè, presidente, direi di accogliere in pieno la richiesta del ministro italiano di parlare per primo così poi possiamo lasciare il signor ministro ai suoi pressanti impegni!
- Bravo cervellone, mi sei piaciuto, sei scuro di pelle ma forse il cervello funziona! Facile che c'hai degli antenati delle mie parti!
- Allora, la parola al ministro italiano, dunque!
- Allora, grazie. Sapete io sono uno che parla spiccio, così guadagno tempo...dicevamo. Il problema, mi sembra di capire...è la pace in Palindrina....
- Palestina...
- Vabbè, quella, ci siamo capiti. Bene, la nostra posizione è che i palindrinesi devono cessare di sparare razzi manco fossimo a capodanno perché gli sraeliani, anche se sono ebrei con la papalina in testa e il naso adunco, non è che possono ricevere tutti 'sti razzi in testa. Perciò, caro presidente della Palindrina....scusate un attimo c'ho la vibrazione al cellulare satellitare...è una chiamata importante...pronto!
- Madonna, com'è caduta in basso l'Italia....
- Che dici "madonna"? Tu sei musulmano...
- Eh lo so, ma quando ci vuole ci vuole...ma da dove viene questo qua?
- fa parte della coalizione di Berlusconi che ha vinto le elezioni...
- E lo hanno fatto ministro degli esteri?
- State un attimo muti, che non sento...come? Filipponi? Ma Filipponi il cazzo, scusa! Filipponi è quel pirla caghetta che quando sono andato a pisciare sul terreno della moschea non è voluto venire! E tu adesso lo vuoi mettere nel delicatissimo ruolo di assessore alla polizia ariana? Non capisci veramente un cazzo, pirla! Ve ne approfittate che sto qua a parlare con 'ste tovaglie del cazzo e non posso gestire io le cose....ma va a gagher...non fare nulla finché non torno! Ma roba da pazzi....allora dicevamo...
- Prego signor ministro, stava dicendo dei razzi a capodanno...
- Ecco, allora, la palindrina, palandrana, insomma loro, la smettessero va bene? Ve ne dovete tornare a casa vostra! A casa vostra vi buttate tutti i razzi che vi pare, ma, pe usare una meta...cosa...una mitrofora, come si dice...
- Metafora.
- Ecco giusto, a casa vostra fate come vi pare, ma se siete al confine con i nasi gobbi qui, be' cazzo vi dovete saper comportare...dico bene?
- Il problema è che la casa loro non ce l'hanno!
- Ma che sei scemo, che gli dai corda?
- Scusa, m'è scappata!
- Uè, lawrence d'Arabia, che t'ho sentito, dalle mie parti si dice: dagh el color ai polpett, non mi impressioni mica eh, caro il mio beduino, non ti preoccupare, sono contento che hai capito, adesso allora sali sul cammello, metti in moto e torna alla baracchetta tua, va bene?
- Certamente. Adesso è tutto chiaro!
- Bravo. Aspetta che ora lo dico anche al nasone qua, dov'è il rappresentante dei nasi?
- Eccomi!
- Allora, stai a sentire. Noi dalle nostre parti diciamo: "La bocca l'è minga stracca se la sa nò de vacca" intendo? perciò adesso questi prendono lenzuola e cammelli e fanno retromarcia. Tu, cortesemente, li lasci fare, va bene? Metti i carri armati a folle, d'accordo? Tanto voialtri con la benzina siete a posto, brutti stronzi...come si dice dalle mie parti? "Mesterasc.....danerasc!", porca vacca boia...
- Perfetto, siamo d'accordo!
- Poi una volta che se ne sono andati, ti dò un consiglio, prendi dei maiali e fatti una bella passeggiata sui territori, così mica tornano, capito?
- Capito. Perfetto. Grazie
- Ma prego, ma figurati, guarda devo dirti che c'ho tenuto proprio a venire qua, perché lo sapevo che ci riuscivo a mettervi d'accordo....
- Ma infatti, finalmente dopo anni e anni abbiamo trovato un accordo giusto!
- Che se stavate ancora col baffetto di prima, capirai, quello mica è buono per queste cose...sai come si dice dalle mie parti? "Var pussee la lappa che la zappa"...a chiacchiere son buoni tutti...
- Sicuramente.
- Ah, guardi, adesso è tutta un'altra storia...
- Aria nuova, finalmente!
- Bravi, sono davvero contento, uè tovaglie, mi raccomando eh? A casa vostra fate come vi pare, ma se venite in società, tranquilli, volate rasoterra, culo stretto e pedalare, che tanto Tutt ven a taj, anca i ong per pelà l’aj
- Che ha detto?
- Ma che ti frega? Certamente, signor ministro!
- Bravi, allora io vado!
- vada, vada, e grazie, grazie tantissimo!
- Prego prego...ah, scusate, ma non c'è un buffet, qualcosa da sgranocchiare...?
- Vada pure al ristorante al primo piano, offro io!
- No, offro io!
- No scusate, offro io!
- Vabbè vabbè non vi preoccupate, io magno poi voi vi regolate, va bene? Be, arrivederci!
- Arrivederci, caro, arrivederci!
- Ma roba da pazzi...
- Povera Italia...
- Scusate, vorrei porre una nuova questione all'ordine del giorno!
- Sarebbe?
- Vorrei proporre di mettere l'Italia al bando delle Nazioni Unite!
- Sono d'accordo!
- Anche io!
- Anche noi!
- Ma scusate, non vi sembra esagerato?
- No, affatto.
- Meglio che dichiarle guerra, no?
- Infatti.
- Giusto!
- Ok, allora mettiamo ai voti!
- Favorevoli?
- Contrari?
- Approvato il bando all'unanimità. Allora proseguiamo?
- AaaaaaaaaaaaaHHHHH!
- Caro che c'è?
- Ho fatto un incubo!
- Che incubo?
- Berlusconi...vinceva le elezioni grazie alla Lega e per sdebitarsi gli dava il ministero degli esteri...
- E capirai che incubo...ma ti spaventi per niente tu eh? Che ci sarebbe di male?
- Eh?
- Hanno avuto il ministero delle riforme istituzionali, ché non possono avere quello degli esteri?
- No, no, no...
- E che fai, adesso piangi? Ma tu lavori troppo mio caro, sei un po' esaurito, dobbiamo andare in campagna questo fine settimana...
- Si, si, si...
- Dai adesso stai tranquillo e dormi, che sono le tre...da bravo, su... 


4 marzo 2008

SPOT/ 6





permalink | inviato da vocidipopolo il 4/3/2008 alle 17:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


3 marzo 2008

SPOT/ 5




permalink | inviato da vocidipopolo il 3/3/2008 alle 18:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


3 marzo 2008

SPOT/ 4




permalink | inviato da vocidipopolo il 3/3/2008 alle 16:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio   <<  1 | 2  >>   aprile
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Dillo in sintesi
Il popolo deve sapere
Ultim'ora
Guest Star
Recensioni
Songs for the masses
Dieci motivi
Bassa Società

VAI A VEDERE

Artefatti
Bengodi City
Ben Foggia Nius
Chiare Lettere
Daniele luttazzi
Difesa dell'informazione
Fratelli d'Italia
Ghostwritersondemand
Giornalettismo
Il Barbiere della Sera
Il Blog di Gago
Il (magico) mondo di Galatea
Le Rane nel blog
Luca Bottura
Malvino
MInimo Karma
Personalità confusa
Raccapriccio della stampa
Roberto Corradi
Sabelli Fioretti
Selvaggia Lucarelli
Spinoza
Pulsatilla
Travaglio, Gomez, Corrias al loro meglio
Rossa naturale
Vinicio Capossela


Voci di popolo



Il problema non è se siano vere o false. 
Il problema è che siano verosimili.

Contatti:
zannieroCHIOCCIOLAkatamailPUNTOcom

DELIRI PIU' O MENO ORGANIZZATI
Berlusconi in concerto
La legge del Cav/ 2
La legge del Cav


SPOT, SONDAGGI E CAMPAGNE DI COMUNICAZIONE
Summer card Saccà
Schifangel
Giustizia: la campagna del governo
Sondaggio: La grazia ad Annamaria Franzoni
Test: quanto sei "piddino"?
Volevo lavorare a Libero


LE VOCI DI POPOLO:
I Love my roman radio
Lettera a Schifani
Benvenuto a Roma, caro Bush
Rifiuti tossici ma convenienti
Ronde notturne
All'armi siam leghisti
Un'altra sinistra (anche riformista) è possibile
Incubo Calderoli
Privacy
Come si scrive un pezzo cazzuto di cronaca
Discorsi da spiaggia
Taci, il maresciallo ti ascolta
Afghanistan
Tema di attualità
Quel politico in barca coi trans
Sogni
Geni televisivi
Casa Democratica
Casa Democratica/2
Voglio gli agenti della Cia sotto processo
Chi viene alla manifestazione di Vicenza?
Tutto il massacralcio minuto per minuto
Bastismi
Cocaina
Se(r)vizio pubblico
Erba
Napoli
Ecco il nuovo Windows Vista
Un travestito in Finanziaria
Rula, tocca a te!
Una profezia (l'insostenibile instabilità della sinistra).
Idee chiare sul Partito Democratico
Importante scoperta scientifica
L'appiccico delle lavandare
Telefonia moderna
Telefonia moderna/ 2
Dio c'è
Ratzinger chiede modifiche
Jerry
Sesso con Sottile
La morte di Al Zarqawi
Schiena dritta
Prossimamente al cinema
L'aereo di Ustica va al museo
In difesa del calcio/ 1
In difesa del calcio/ 2
In difesa del calcio/3
Italian secret service
Italian secret service/ 2
Materazzi e Zidane/ 1
Materazzi e Zidane/ 2
Pranzo al G8
La Grande coalizione
Il Nuovo Oriente
La conferenza sul Libano
Indignazioni popolari
La tragedia del lifting
Eleonora Figacchione ci fa causa
Eleonora Figacchione: intervista riparatrice
Appuntamenti
Autocode per l'Italia

INTERVISTE
Il Prof Negromonte e il calcio italiano
Francesco Rutelli
Gianni Alemanno

GUEST STAR
Scrivono orgogliosamente per noi
Antonio Polito
Ferdinando Adornato
Claudio Petruccioli
Piero Sansonetti
Vittorio Feltri
Carlo Lucarelli
Giorgio Bocca
Beppe Grillo
Marco Travaglio
Mario Adinolfi
Maurizio Costanzo
Maria Laura Rodotà
Paolo Mereghetti

RECENSIONI
Patologie genetiche e croniche
Libri
Libri/ 2
Libri/ 3
Libri/ 4: Noir
Libri/ 5 Management
Libri/ 6 Thriller storici
Libri/ 7 Saggistica di attualità
Correnti di pensiero politico
Sistemi elettorali
Viaggi di tendenza
Dischi
Dischi/2 Antologie
Motociciclette
Vini
Moda
Ristoranti
Stasera in tv/ 1
Stasera in tv/ 2
Stasera in tv/ 3

CANZONI INTONATE
La società della Mediaset
Il Riformista
Ritornerai
Sanremo 2008: i testi/ 4
Sanremo 2008: i testi/ 3
Sanremo 2008: i testi/ 2
Sanremo 2008: i testi
Loredana Lecciso: Dammelos
Dammelos. I testi/1
Dammelos. I testi/ 2
Sanremo: i testi/3
Sanremo i testi/ 2
Sanremo i testi/ 1

SEX IN THE CITY
Gang bang
La caccia
Master and servant
La piscina birichina
L'orgia elettorale

ANNUNCI GOOGLE
Uno
Due
Tre
Quattro
Cinque


CERCA