.
Annunci online

vocidipopolo
Un blog di nicchia


Diario


31 marzo 2007

SOGNI

- Ora basta. Sapete che vi dico? In qualità di Presidente della Rai mi impegno a realizzare le seguenti riforme. Uno: l'informazione in Rai d'ora in poi seguirà regole precise. Basta coi talk show politici dove il conduttore si limita a strofinarsi le mani o a passeggiare su e giù per lo studio cercando di tenersi in forma, mentre i politici gareggiano a chi prende più applausi fatti dalle solite claque che si sono portati dietro. D'ora in poi le domande le faranno direttamente i cittadini, selezionati da un elenco pubblico con nome, cognome e professione senza che nessun politico conosca in anteprima le domande, così come succede nelle tv pubbliche in Spagna, Francia, Germania e Inghilterra e non si capisce per quale cazzo di motivo da noi non si può fare. Chi vuole venire, bene, chi no che si fotta e tanti saluti. Due: d'ora in poi gli stimatissimi autori e conduttori di importanti e fondamentali programmi come L'Italia sul Due e la Vita in Diretta devono sapere che appena li si becca a taroccare un servizio, a fare marchette a questo o a quello, ad assumere vallette raccomandate da questo e da quello, li si caccia a calci in culo e tanti saluti. Tre: la prossima volta che in un telegiornale vedo la solita intervista stile "si faccia una domanda e si dia una risposta", prendo il giornalista e il suo direttore e li caccio a calci nelle palle che non hanno. Mi fanno causa? Prego, si accomodino, vorrà dire che finalmente il nostro servizio legale avrà qualcosa da fare durante l'orario di lavoro. Quattro: da oggi in poi, gli show e i varietà vengono prodotti in casa, dagli autori e dai tecnici della Rai, non si fanno più appalti da dieci milioni di euro a botta sempre ai soliti soggetti, manco avessero format ideati da Leonardo Da Vinci. Cinque: proporrò che le nomine di direttore generale e dei direttori dei telegiornali vengano fatti direttamente dal Presidente della Repubblica, in totale autonomia, così la smettiamo con un telegiornale a me, uno a te e uno a lui. Sei: i reality show devono avere uun reality budget di spesa, basta coi budget pari a quello che serve alla Nasa per costruire un autodromo di Formula 1 su Plutone. Sette: degli ascolti ME NE FOTTO! E' chiaro? Leggete il labiale: ME-NE-STRA-FOTTO. Siamo un servizio pubblico, non la copia venuta male di Mediaset. Otto:....
- Siiiiiii, Petruccioli, vai cosìììììììì, grande, grandissimoooooooooooo...eeeehhhaaaaa...eaaaahh....eh?
- Che c'è caro, stai male?
- Cosa?
- Che stavi sognando? Scommetto che stavi sognando di farti la macellaia sotto casa. Secondo te non ho notato come la guardi? E' vero? Confessa, brutto porco!
- Ma quale macellaia, stavo sognando che Petruccioli...
- Petruccioli eh? Eh già, tu sogni Petruccioli e nel sonno dici: si dai, vai così, grande, grandissima.... SEI UN PORCO! SKIAFF!
- Ma si, hai ragione, scusa, lo sai che ti amo! Dormiamo dai, che domani si lavora...bacio?
- Vaffanculo!
- ...A' Petrucciò, me paghi anche questa...appena te becco...




permalink | inviato da il 31/3/2007 alle 12:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


29 marzo 2007

LA PROSSIMA DICHIARAZIONE DELLA CEI

- Dio ha dato la vita e l'intelletto a tutto il genere umano. Da questo intelletto è nata anche la Costituzione italiana, naturale conseguenza di un preciso processo divino che vede gli uomini, e quindi i costituenti, come semplici esecutori materiali della volontà di Dio. Chiarito questo punto fondamentale, ne consegue che pretendere che la Costituzione - questo foglietto di qualche paginetta, anche se, è vero, ben scritto, e certamente buona occasione per piacevoli conversazioni tra amici dopo cena - possa però inauditamente porsi di traverso nella realizzazione del Disegno Divino, beh, francamente, lasciatevelo dire con la massima chiarezza: provateci e vi spezziamo le gambe.




permalink | inviato da il 29/3/2007 alle 11:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


28 marzo 2007

TELECOMCERTO

A causa degli scandali degli ultimi tempi il Cda di Telecom ha deciso che quest'anno l'abituale Telecomcerto sarà in tono minore. Dal palco verrà diffusa un'intercettazione in cui Elton John suona per il suo compleanno nel salotto di casa con i suoi parenti.




permalink | inviato da il 28/3/2007 alle 18:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


28 marzo 2007

CORONA PREPARAVA ALTRI RICATTI

Clamorose news dalla Procura di Potenza. Secondo indiscrezioni, Corona stava architettando ulteriori e incisivi ricatti. In particolare era pronto a fotografare i parlamentari cattolici che in Parlamento avessero votato i Dico per poi ricattarli: se non avessero comprato le foto, lui le avrebbe vendute a Ruini.




permalink | inviato da il 28/3/2007 alle 18:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


26 marzo 2007

CAPEZZONE: IL POLITICO DELLA BARCA ESCA ALLO SCOPERTO

- Basta, basta, cessate il fuoco. Ehi voi, ci sentite?
- Che volete?
- Non ce ne frega niente di voi del Billionaire e delle feste in Kenya, a noi interessa solo il politico, quello della barca coi trans, datecelo e ce ne andiamo!
- Col cazzo! Se ve lo diamo, voi lo impallinate con le telecamere!
- Negativo, avete la mia parola.
- La tua parola? E tu chi sei?
- Sono Capezzone! Vi potete fidare!
- Capezzone eh? Amico, senza offesa, ma tu non conti un cazzo!
- Non è vero! Qui sono tutti d'accordo con me. Ora ve lo dimostro! Ragazzi, è vero che se il politico viene fuori, non succede niente?
- Vero!
- Verissimo!
- Siamo garantisti, noi!
- Garantisti e cattolici. Chi è senza peccato scagli la prima pietra diceva quel tale...
- Avete sentito? Non c'è nulla da temere! Avanti, facciamola finita con questo teatrino giudiziario, non vorrete mica che il nome lo faccia Woodcock? Consegnatelo e avrete fatto fare alla politica una bella figura!
- Va bene, ora esce. Ma ricordatevi che avete dato la vostra parola, dovrete tutelarlo dalla gogna!
- Ve l'ho già detto, avete la mia parola!
- Ok, adesso esce...
- Eccolo!
- Ma chi è?
- Non si riesce a vedere...
- Ehi tu, vieni avanti, forza, che non ti si vede!
- Forza, ancora un po'!
- Cazzo, ma...
- Si è lui, cazzo!
- ahahahahahhahah
- HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH
- Nooooooo, non ci posso credere...
- Ehi, chiamate i giornalisti...
- No, fermi! Che fate? Abbiamo dato la nostra parola...!
- A' Capezzò, e levati dalle palle che c'abbiamo uno scooppone! hai capito, pure a' trans va, 'sto fijio de na'mignotta!
- A' frocio!
- A' n'vertito!
- A' cocainomane fracigo! Te piace er birillo eh?
- A' pervertitooooooo!
- Ma che fate, nooooo...
- A' Capezzò, e che palle, e facce divertì, no?




permalink | inviato da il 26/3/2007 alle 19:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


26 marzo 2007

FILM IN TV

Ma quando arrivano le ragazze?
Di Pupo Avati
Questa sera un film da non perdere. Ma quando arrivano le ragazze? è uno spaccato della società italiana dello spettacolo, direttamente dalla cronaca di questi giorni. Clementino, un politico di alto rango e ministro nel governo Popi viene convinto dall'industriale a fare un week-end di sesso e droga su uno yacht al largo di Capri, assieme a ragazze disinibite provenienti dal programma "Porca Domenica" e un paio di trans, direttamente dal reality show "Permesso di Trans...ito". Ma i due non sanno che il giudice Woodward li sta intercettando nell'ambito di un'inchiesta sui ricatti ai Vip che ricattano chi li ricatta. E ignorano anche che uno degli invitati li sta filmando di nascosto per vendere il video al giornale scandalistico "Porcelle a 2000". Commediaccia all'italiana, infarcita di dialoghi volgarissimi e demenziali (il ministro: lo sanno tutti che io a cena non vedo e non parlo con nessuno, sto col capo chino a magnà!) ma col pregio di un'alta verosimiglianza con la realtà.
Raidue, 22.50

L'aereo più pazzo del mondo
Di J. Habrams
Commedia demenziale di grande successo, ambientata nel mondo delle compagnie aeree. Un imitatore di quart'ordine riesce a prendere il posto di John-Carl Cimol, manager di grande esperienza chiamato a risollevare le sorti della grande compagnia aerea italiana "Fallitalia", sull'orlo del fallimento. Tra conferenze stampa esilaranti "Risolleverò la Fallitalia in tre mesi, basta che mi diate i soldi", ai rimedi proposti per il salvataggio, consistenti nel rubare il carburante agli aerei delle altre compagnie impedendo loro di decollare e nell'attivare nuovi servizi aggiuntivi come le hostess in topless e gli alcolici gratis, il film si segnala per la sua comicità comunque piacevole e per la famosissima gag del Manager Automatico, il pallone che si gonfia durante i consigli di amministrazione della Fallitalia, gag citatissima e passata alla storia. Splendida interpretazione di Lino Banfi nel ruolo sia del vero che del falso John Carl Cimol.
Sky Cinema 3, 20.30

Matrix reloaded
dei fratelli Whachowsky
Neo, deputato ex comunista sopravvissuto al crollo del Pc, è ancora intrappolato nel Centrosinistra, una realtà virtuale in perenne lotta con il Centrodestra, entrambe entità di Matrix, la matrice che proietta agli ignari cittadini italiani una politica finta e sempre uguale. Per liberarlo, Turigliattox e Rosseus, due ex schiavi, ora combattenti per la libertà, sono costretti ad una rischiosissima discesa nel mondo di Portax a Portax, regno del feroce Vespon, i cui abitanti sono ridotti in schiavitù e costretti ad ascoltare le teorie sulla sinistra di Alba Parietti, favorita del tiranno. Nel frattempo, però, le sentinelle di BerlusKhan, l'Architetto di Matrixet stanno per entrare nella Sezione di Livorno, dove nacque l'Eletto, il primo Pc, con un'arma letale, una nuova legge elettorale su base proporzionale al numero dei morti di schifo che questa causerà una volta entrata in vigore. Chiunque riesca ad avere la meglio, questa sarà l'ultima notte di un conflitto che non ha confini.
Sky Cinema 1, 23,30




permalink | inviato da il 26/3/2007 alle 13:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


24 marzo 2007

LO SCHIFO E IL RIBREZZO

Riceviamo e onorati pubblichiamo un pezzo dell'ottimo Giorgio Bocca, lucido e obiettivo osservatore dei mali della società contemporanea, scritto in esclusiva per noi luridi cialtroni di Voci di popolo

LO SCHIFO E IL RIBREZZO
Di Giorgio Bocca

Viviamo in tempi che non capisco, e se non li capisco io, cosa volete capirne voi che vivete nella bambagia e che non avete nemmeno fatto la Resistenza sulle montagne, sdraiati con il calcio del fucile che ti scava la spalla e un vento gelido che ti attanaglia le palle, stringendole in una morsa infame.

Prendiamo il mondo del lavoro. Oggi a un giovane che vuol farsi una famiglia gli viene detto: spiacenti, il lavoro ci sarebbe ma dobbiamo pensare prima alle famiglie gay e poi a voi normali, in nome di un concetto di corretezza politica che oggi va per la maggiore in questa società oramai completamente impazzita e marcita fino al midollo, un mondo alla rovescia in cui chi vuol lavorare è penalizzato e chi invece vive alle spalle di mamma e papà fino a 65 anni, prende anche la pensione, dopo aver naturalmente ammazzato entrambi i genitori per poi andare bellamente a ballare in discoteca.

Viviamo in una società capitalistica avanzata, si dice, ma il nostro capitalismo è fatto di mille luci solo apparentemente colorate, di insulsi macchinari di cui non abbiamo alcun bisogno, e di migliaia di troie e bagasce, oltretutto immigrate, che la danno via lungo i viali del nostro ritorno a casa, dopo una dura giornata di lavoro nei campi, a mani nude, a contatto con la durezza della terra, col solo conforto di un grappino di quelli buoni, all'osteria della montagna.

Un capitalismo avanzato che tanto piace a chi lo santifica, e ogni giorno lo benedice, fatto di miliardari cafoni, viscidi, devertebrati, molli, sfatti, drogati, nullafacenti e ributtanti esseri immondi pieni di Viagra e di cartelle esattoriali inviate da uno Stato buono soltanto a fare patetiche raccomandate con ingiunzioni di pagamento con le quali i nostri ricchi si puliscono il profumato e celebrato deretano appena un attimo dopo aver evacuato i resti del maleodorante gozzoviglio della sera prima.

Verrebbe voglia di cambiare Paese e continente e magari lo si sarebbe già fatto se avessimo una compagnia aerea vera e non un grottesco carrozzone chiamato Alitalia, sentìna di corruzione e fabbrica di incompetenti lautamente retribuiti, complice un sindacato straccione e servo dei potenti che chiude gli occhi e ingrassa il fondo schiena, biascicando parole vuote come gli apparati cerebrali dei suoi aderenti, gente che non ha mai potato una vigna né raccolto pomodori, e stando sempre ben attento a emarginare gli onesti e a premiare i ladri.

Schifato da tanto schifo, cerchi un po' di requie nel privato della tua casa tirata su a suon di sacrifici, lavorando di notte e imprecando di giorno e ti accorgi che la nostra televisione è infarcita di mezze calzette isteriche e bionde tinte amanti dei capistruttura che le spogliano davanti al video così come davanti al letto delle loro squallide garçonierre acquistate coi soldi dei contribuenti in un arraffa-arraffa generale di cui non si vede la fine ma se ne constata la grande popolarità, in un clima, eccitato e abnorme, da ultimi giorni di Pompei.

Irribrezzito da cotanto ribrezzo, non ti resta che sperare, come capitò a Noè a cui fu detto di prepararsi a salpare, in un diluvio purificatore, capace di lavare via tutto questo ributtante lordume fatto di sangue infetto e merda putrescente, e che finisca tutto in uno scarico abbastanza grande da contenere questo magma verminoso e maledetto che ci si ostina a chiamare umanità.




permalink | inviato da il 24/3/2007 alle 23:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


23 marzo 2007

TEMA DI ATTUALITA'

- Lo scandalo denominato Vallettopoli, inizialmente riferito a persone del mondo dello spettacolo, ha rivelato il coinvolgimento di altri settori sociali come lo sport, il mondo dell'impresa, fino a sfiorare le istituzioni e il mondo della politica. L'alunno esprima il suo pensiero al riguardo, con riferimento al comune senso morale diffuso e al ruolo che in una democrazia deve svolgere la magistratura.

- Lo scandalo Vallettopoli ha rivelato che le persone che vanno in televisione lo fanno per diventare famose, così le riconoscono tutti e loro hanno dei vantaggi che gli altri come me, per esempio, non avranno mai se continuiamo così. Infatti appena finisco la scuola devo andare a fare i colloqui per il Grande Fratello anche se non ho molte speranze perchè sono maschio. Se invece ero femmina potevo far vedere le cosce e qualche altra cosa durante il colloquio, sicuramente mi prendevano e dopo poco tempo stavo ad Amici di Maria De Filippi e mi conoscevano tutti. Quando le persone sono andate in televisione sono famose perciò anche i fotografi le fotografano e vendono le foto ai giornali. I giornali li leggono tutti, anche i politici che vedono una bella ragazza con le menne da fuori e la vogliono conoscere, allora chiamano il fotografo e dicono me la presenti? Quello chiaramente mica è stupido dice te la presento se mi dai i soldi, mica te la presento aggratis, perciò questo è già un ricatto. Poi succede anche che quella che hanno fotografato vede il politico che è brutto e grasso gli dice che se vogliamo andare a letto, mi devi dare i soldi, ma quello non è un problema perchè i politici hanno un sacco di soldi che sono nostri ma li spendono loro perciò li cacciano a raffica, e questo è un altro ricatto. Poi succede anche che il politico cià la moglie che non deve sapere che lui è andato a letto con quella con le menne grosse, il fotografo però lo sa e li fotografa mentre stanno a letto che certo non si raccontano le barzellette, perciò il fotografo che gliel'ha presentata dice dammi i soldi sennò faccio vedere le foto che ti ho fatto a tua moglie che t'ammazza ed ecco che quello paga perchè tanto i soldi quello non li finisce mai. Pure i calciatori stanno in mezzo al casino perchè sono famosi, sono giovani, vanno in discoteca che si voglioni divertire e se vedono belle tipe e chiaro che le vogliono conoscere bene, poi però succede che quelle o vogliono essere sposate oppure dicono dammi i soldi che se no racconto tutto ai giornali che io e te abbiamo fatto l'amore, come ha fatto quella con Totti e il povero Totti ha dovuto pagare perchè senno Illary lo lasciava e Totti ci rimaneva veramente male perché Illary è bella, adesso fa le Iene pure se è in cinta, mica è come Flavia Vento che è molto più brutta e non se la fila nessuno nemmeno Bruce Willis. Tutte queste cose sono ricatti che devono essere segreti perchè se no succede un casino, e infatti il giudice che sente i telefonini degli altri capisce che sono ricatti e allora li arresta tutti, politici, fotografi, calciatori e mignotte, e così diventa famoso pure lui, ma a lui non gliele fanno le foto perchè se no li arresta. Ma tanto non succede niente perchè i politici sono protetti e non li tocca nessuno, i fotografi sono già ricchi, pure se si fanno qualche mese di galera che gliene frega tanto cianno i soldi, i calciatori devono giocare a pallone se no succede un altro casino e quelle con le menne grosse sempre quelle sono, magari fanno vedere le menne al giudice e manco in galera vanno. Il senso morale di questo scandalo è che il più pulito cià la rogna. Però sono famosi, cianno i soldi e i vestiti belli. E quindi la rogna non si vede.




permalink | inviato da il 23/3/2007 alle 11:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


21 marzo 2007

TANTO RUMORE PER NULLA



- Scusa, per la tangenziale, sempre dritto?




permalink | inviato da il 21/3/2007 alle 11:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


20 marzo 2007

CORRENTI DI PENSIERO POLITICO

Dopo i Neo-Con, i Teo-Con e i Teo-Dem, nuove correnti di pensiero politico si insinuano nella vita politica italiana.

I Teo-Ratz
Corrente di pensiero che fa riferimento all'onorevole Binetti della Margherita, a sua volta ultrà di Papa Ratzinger, per cui la politica e le istituzioni costituiscono un mero strumento della conferenza episcopale che emana le direttive e i principi della vita politica, sociale, economica che le istituzioni recepiscono e declinano in leggi e regolamenti. I Teo-Ratz si riconoscono anche fisicamente in quanto camminano chini per non sfidare l'Ira celeste e trovarsi così già in ottima posizione per genuflettersi in presenza di cardinali e alti prelati. Il giornale di riferimento è il Quotidiano "L'Obbedienza". Molto seguiti anche i periodici "Vite Degne", mensile e "Il Dogma", semestrale di ingerenza politica.

I Pol-Tron
Corrente di pensiero politico che fa capo a vari centristi come De Gregorio, Mastella, Casini, Rutelli, Rotondi, ma con validi sponsor sia a destra che a sinistra. Per i Pol-Tron è la politica che traccia il solco, ma è la poltrona che la difende. Cardine principale del pensiero è il mantenimento del posto di potere, qualunque sia il costo, seguendo il motto: "l'incarico giustifica il mezzo". Gli aderenti a questa corrente, di grande e antica tradizione risalente fin ai primi anni dell'Unità d'Italia, si riconoscono in occasione dei preparativi di qualsiasi organismo di governo, dalla circoscrizione fino al governo centrale, in coloro che rivendicano "pari dignità" con gli altri alleati della coalizione. Il loro motto è "Tutti con uno? Un incarico per tutti". Il giornale di riferimento è il quotidiano "L'Istallazione", il periodico è il mensile "Durare".

I Frega-Cazz
Corrente di pensiero politico nato da una costola del pensiero Berlusconiano, di cui rappresenta l'ala estremista ed ego-riformista in senso altoborghese cazzimperista mischiato ad una corrente isolazionista di ispirazione neo-leghista, in base alla quale le istituzioni e le leggi sono un impendimento al vivere benestante e allo sviluppo dei Feudi Economici, questi ultimi proposti come nuove forme di organismi sociali di cui si chiede il riconoscimento come soggetti auto-governanti. Tra le riforme proposte dai Frega-Cazz spiccano l'abolizione della Guardia di Finanza, della magistratura, degli organismi di controllo della Borsa, e dell'obbligo di dichiarazione dei redditi, istituzioni considerate inutili e da sostituire con una semplice "Autocertificazione di legalità". In politica estera gli aderenti alla corrente propugnano una salda alleanza con la Svizzera e le isole Cayman, mentre in politica interna è fermo il loro dissenso sulla legge Biagi considerata troppo garantista e sbilanciata dalla parte dei salariati. Il giornale di riferimento della corrente è il quotidiano "Il Nero- 24 ore", il mensile di riflessione politica è "L'Accumulazione".




permalink | inviato da il 20/3/2007 alle 14:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio   <<  1 | 2 | 3  >>   aprile
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Dillo in sintesi
Il popolo deve sapere
Ultim'ora
Guest Star
Recensioni
Songs for the masses
Dieci motivi
Bassa Società

VAI A VEDERE

Artefatti
Bengodi City
Ben Foggia Nius
Chiare Lettere
Daniele luttazzi
Difesa dell'informazione
Fratelli d'Italia
Ghostwritersondemand
Giornalettismo
Il Barbiere della Sera
Il Blog di Gago
Il (magico) mondo di Galatea
Le Rane nel blog
Luca Bottura
Malvino
MInimo Karma
Personalità confusa
Raccapriccio della stampa
Roberto Corradi
Sabelli Fioretti
Selvaggia Lucarelli
Spinoza
Pulsatilla
Travaglio, Gomez, Corrias al loro meglio
Rossa naturale
Vinicio Capossela


Voci di popolo



Il problema non è se siano vere o false. 
Il problema è che siano verosimili.

Contatti:
zannieroCHIOCCIOLAkatamailPUNTOcom

DELIRI PIU' O MENO ORGANIZZATI
Berlusconi in concerto
La legge del Cav/ 2
La legge del Cav


SPOT, SONDAGGI E CAMPAGNE DI COMUNICAZIONE
Summer card Saccà
Schifangel
Giustizia: la campagna del governo
Sondaggio: La grazia ad Annamaria Franzoni
Test: quanto sei "piddino"?
Volevo lavorare a Libero


LE VOCI DI POPOLO:
I Love my roman radio
Lettera a Schifani
Benvenuto a Roma, caro Bush
Rifiuti tossici ma convenienti
Ronde notturne
All'armi siam leghisti
Un'altra sinistra (anche riformista) è possibile
Incubo Calderoli
Privacy
Come si scrive un pezzo cazzuto di cronaca
Discorsi da spiaggia
Taci, il maresciallo ti ascolta
Afghanistan
Tema di attualità
Quel politico in barca coi trans
Sogni
Geni televisivi
Casa Democratica
Casa Democratica/2
Voglio gli agenti della Cia sotto processo
Chi viene alla manifestazione di Vicenza?
Tutto il massacralcio minuto per minuto
Bastismi
Cocaina
Se(r)vizio pubblico
Erba
Napoli
Ecco il nuovo Windows Vista
Un travestito in Finanziaria
Rula, tocca a te!
Una profezia (l'insostenibile instabilità della sinistra).
Idee chiare sul Partito Democratico
Importante scoperta scientifica
L'appiccico delle lavandare
Telefonia moderna
Telefonia moderna/ 2
Dio c'è
Ratzinger chiede modifiche
Jerry
Sesso con Sottile
La morte di Al Zarqawi
Schiena dritta
Prossimamente al cinema
L'aereo di Ustica va al museo
In difesa del calcio/ 1
In difesa del calcio/ 2
In difesa del calcio/3
Italian secret service
Italian secret service/ 2
Materazzi e Zidane/ 1
Materazzi e Zidane/ 2
Pranzo al G8
La Grande coalizione
Il Nuovo Oriente
La conferenza sul Libano
Indignazioni popolari
La tragedia del lifting
Eleonora Figacchione ci fa causa
Eleonora Figacchione: intervista riparatrice
Appuntamenti
Autocode per l'Italia

INTERVISTE
Il Prof Negromonte e il calcio italiano
Francesco Rutelli
Gianni Alemanno

GUEST STAR
Scrivono orgogliosamente per noi
Antonio Polito
Ferdinando Adornato
Claudio Petruccioli
Piero Sansonetti
Vittorio Feltri
Carlo Lucarelli
Giorgio Bocca
Beppe Grillo
Marco Travaglio
Mario Adinolfi
Maurizio Costanzo
Maria Laura Rodotà
Paolo Mereghetti

RECENSIONI
Patologie genetiche e croniche
Libri
Libri/ 2
Libri/ 3
Libri/ 4: Noir
Libri/ 5 Management
Libri/ 6 Thriller storici
Libri/ 7 Saggistica di attualità
Correnti di pensiero politico
Sistemi elettorali
Viaggi di tendenza
Dischi
Dischi/2 Antologie
Motociciclette
Vini
Moda
Ristoranti
Stasera in tv/ 1
Stasera in tv/ 2
Stasera in tv/ 3

CANZONI INTONATE
La società della Mediaset
Il Riformista
Ritornerai
Sanremo 2008: i testi/ 4
Sanremo 2008: i testi/ 3
Sanremo 2008: i testi/ 2
Sanremo 2008: i testi
Loredana Lecciso: Dammelos
Dammelos. I testi/1
Dammelos. I testi/ 2
Sanremo: i testi/3
Sanremo i testi/ 2
Sanremo i testi/ 1

SEX IN THE CITY
Gang bang
La caccia
Master and servant
La piscina birichina
L'orgia elettorale

ANNUNCI GOOGLE
Uno
Due
Tre
Quattro
Cinque


CERCA